Home / Curiosità / La causa più frequente di annegamento al mare: le correnti di risacca. Video

La causa più frequente di annegamento al mare: le correnti di risacca. Video

La causa più frequente di annegamento al mare: le correnti di risacca. Video come riconoscere il pericolo che ogni anno miete vittime lungo le nostre spiagge

Ma come è possibile essere trascinati lontano dalla riva, visto che le onde si muovono dal mare verso la riva?

Questa forza potenzialmente mortale è la minaccia numero uno per la sicurezza sulle spiagge e si chiama risacca o corrente di reflusso (rip current).

La risacca è un veloce e possente canale di acqua che può scorrere dalla spiaggia al mare aperto, al di là delle onde che si infrangono sulla spiaggia. Prima ancora che si avverta il pericolo, vi è il rischio di venire trascinati fuori lontano dalla riva.

Ecco comunque alcuni segni indicatori della presenza di una corrente di reflusso:

  1. Un canale di ribollimento prossimo alla riva con acqua increspata e che poi si propaga al largo, creandosi un varco nelle onde in arrivo;

fig.1 a

Fig.1.a: inizia il moto schiumoso dalla spiaggia verso il mare

fig.1 b

Fig.1.b:il moto schiumoso si spinge allargo creando un varco nell’onda in arrivo

  1. Una zona con una notevole differenza di colore (2.a.b.) che dalla spiaggia punta verso il mare aperto per poi aprirsi a ventaglio al largo in una striscia parallela alla costa;

Fig.2.a

Fig.2.a -Zona con notevole differenza di colore e perpendicolare alla riva

fig.2 b

Fig.2.b -Zona con notevole differenza di colore perpendicolare

  1. Una linea di schiuma, alghe, o detriti in movimento costante verso il mare aperto

fig.3.a

Fig.3.a – Una scia di schiuma, alghe e detriti dalla spiaggia verso il mare

fig.3 b

Fig.3.b- la corrente di risacca la largo tende a divergere fino a diventare parallela alla riva

  1. Una pausa nell’ingresso di nuove onde fino alla spiaggia.

Ecco come comportarsi di fronte a tale pericolo:

  • Mantenere la calma, non combattere la corrente, nel tentativo di tornare a riva. Sarebbe una impresa vana e mortale;
  • Nuotare lateralmente fuori della corrente e parallela alla riva, poi con un angolo verso la riva.
  • Se non si può sfuggire allora galleggiare o restare a galla finché la corrente non svanisce.
  • Cercate di agitare le braccia e gridare per chiedere aiuto.

Notizia tratta da: http://www.noaa.gov/

Qui il video:

http://oceantoday.noaa.gov/ripcurrent/

Check Also

CRBC265857_ARCA824_1274_01

Le neviere, il freezer del passato

Fino ad un secolo fa la neve nelle neviere era così preziosa da essere denominata …