Home / Analisi / Forte maltempo in arrivo: l’autunno si movimenta

Forte maltempo in arrivo: l’autunno si movimenta

Alle porte una breve tregua prima di una nuova depressione fredda. Un autunno decisamente altalenante: dal fresco-freddo al caldo anomalo e di nuovo giù, in vista dell’ennesimo violento peggioramento meteo. Il maltempo raggiungerà gradualmente tutta la Penisola, con intense precipitazioni anche a carattere di nubifragio.

Il punto della situazione

Gli ultimi giorni hanno segnato per l’Italia un cambio di registro importante. La flessione termica è risultata considerevole, soprattutto sulle regioni settentrionali e centrali, grazie all’azione di un vortice ciclonico balcanico che si è sviluppato in seguito all’irruzione artica sull’Europa centro orientale. Nel contesto sono arrivate – tra l’altro – le prime nevicate sulle Alpi e sull’Appennino, imbiancando bene dai 1300 metri di quota.

Superfluo sottolineare che il periodo in atto è normalmente contraddistinto da ficcanti perturbazioni atlantiche talvolta intervallate da tiepidi anticicloni “last minute”. E’ proprio ciò che sta avvenendo, perché a ridosso dell’Europa occidentale è ormeggiato un vortice depressionario promotore delle imminenti correnti meridionali estremamente miti pronte ad invadere la Penisola.

Analisi

L’analisi dei modelli previsionali, in particolare dell’elaborazione americana, indentifica chiaramente l’altalena termica che ci accompagnerà per le prossime due settimane. Scrutando l’andamento delle temperature balza subito all’occhio l’imponente rialzo che prenderà piede nell’imminente, con valori alla quota di riferimento di 850 hPa (1500 metri circa) fino a 16-17°C. Calcolando l’accademico delta termico di una grado ogni 100 metri, non sarà difficile al suolo superare i 25°C, fino a 30°C sulle aree esposte ai venti di ricaduta dai monti. L’anomalia termica positiva caratterizzerà il quadro meteo sino al 18-19 ottobre (una settimana circa), per poi rientrare nelle medie stagionali o poco sotto.

L’evoluzione fino al 25 ottobre si riassume quindi in tre mosse principali: una prima perturbazione molto mite a carattere prefrontale richiamata dal vortice depressionario sull’Europa occidentale, un breve intermezzo contraddistinto dall’anticiclone Mediterraneo ed infine sembra prendere vita un nuovo affondo della bassa pressione nord atlantica sull’Italia.

Leggi l’evoluzione completa giorno per giorno. Agronotizie Meteo.

Check Also

hgt 1 maggio COPERTINA

Ponte del 1 maggio bello ma non bellissimo

La perturbazione che sta attraversando l’Italia abbandonerà la Penisola proprio alla vigilia del ponte del …