Home / Senza categoria / I malesseri tipici di inizio autunno

I malesseri tipici di inizio autunno

A inizio autunno le prime correnti d’aria fresca settembrina e le prime piovose perturbazioni atlantiche portano quasi sempre, in molte persone, anche i primi malesseri autunnali. I sintomi sono in genere raffreddore, raucedine, quel pizzicore alla gola che perseguita soprattutto al mattino e alla sera, un po’ di stanchezza e di insonnia e talvolta anche un po’ di febbre.

La causa è sempre la stessa: le forti escursioni termiche da un giorno all’altro per il rapido passaggio da situazioni estive a situazioni di stampo, appunto, tipicamente autunnale. Ma la colpa di tali malesseri è veramente da addebitare solo ed esclusivamente alle caratteristiche del tempo in questo primo scorcio di autunno? No di certo. Infatti la causa di tali sintomi va anche ricercata nella nostra inerzia e pigrizia, dal punto di vista mentale, per cui non sentiamo lo stimolo di adeguarci con la necessaria rapidità ai primi freschi autunnali.

AUTUNNO giacca al lago

Insomma non vogliamo prendere atto che il caldo estivo è ormai definitivamente finito e quindi anche se fa un po’ freddo ci ostiniamo a mantenere uno stile di vita estivo: uscire di casa senza calze, dormire con il pigiama estivo, camminare a piedi scalzi in casa, non portare con sé un maglioncino o una giacca quando si esce di sera, bere ancora bevande gelate, accendere il condizionatore anche se le temperature, ormai, in realtà non lo giustificherebbero.

Consigli? Coprirsi a strati, riparandosi quando si entra nei locali con l’aria condizionata; adattare anche l’alimentazione al tempo, consumando poche calorie quando fa più caldo e di più quando fa un po’ freddo.

Check Also

mercatini-natale-napoli

I mercatini (e presepi) di Natale di Napoli e dintorni

Napoli non è conosciuta nel mondo solo per la sua pizza ma anche per i …