Home / Curiosità / Per il raffreddore maggiori insidie dentro casa.

Per il raffreddore maggiori insidie dentro casa.

Siamo ormai in pieno autunno e sono pertanto imminenti i primi freddi di stampo invernale e di conseguenza anche un aumento dei malesseri da raffreddamento (riniti, laringiti, bronchiti). In realtà nella maggior parte dei casi tali malanni si prendono entro le pareti domestiche.

Una parte dei raffreddori difatti è dovuto, più che al clima rigido dell’ambiente esterno, cui si può sempre rimediare con abiti più pesanti, al “clima torrido” delle abitazioni, perché l’aria calda e secca dei locali riscaldati provoca l’inaridimento delle mucose delle prime vie respiratorie, limitando la loro capacità di difesa contro virus e batteri, esponendole al rischio di irritazioni, tanto che i sintomi più comuni sono la tossetta stizzosa e la sensazione che qualcosa “gratti” in gola.

termostato

Inoltre, a causa dell’eccessivo riscaldamento di abitazioni e uffici, siamo spesso costretti a subire, oltre ai tipici sbalzi termici invernali da un giorno all’altro e dal mattino al pomeriggio, anche quelli “artificiali”, molto più consistenti, tra l’ambiente interno e quello esterno. I tessuti sono così costretti in pochissimi minuti a profondi cambiamenti delle proprie caratteristiche dovuti al rapido passaggio da una situazione di vasocostrizione, quella indotta dal freddo esterno, a una situazione di vasodilatazione causata invece dal caldo domestico. In tali condizioni anche la mucosa interna del naso subisce una variazione di spessore che si tramuta in uno stimolo irritativo e, per di più, anche in una modifica della consistenza del muco.

Ecco allora che dobbiamo fare i conti con l’arrivo improvviso dello starnuto e con il naso che cola. Lo stesso problema si ha ovviamente quando si esce di casa, costringendo spesso il nostro organismo a passare da condizioni microclimatiche “quasi tropicali” ai rigori tipici di inizio inverno.

Per evitare la maggior parte degli inconvenienti derivanti da questi bruschi e artificiali cambiamenti del clima può essere sufficiente coprire naso e bocca con una sciarpa poco prima di uscire dai locali riscaldati, e all’atto di rincasare spogliarsi di tali indumenti solo dopo qualche minuto: grazie a questi piccoli accorgimenti difatti rincasando viene fornito, alle mucose di naso e gola, quel minimo di tempo necessario ad assorbire il notevole e brusco rialzo termico, mentre nell’atto di uscir di casa si evita il rischio che l’aria gelida arrivi improvvisa e inaspettata alle vie respiratorie.

Check Also

CRBC265857_ARCA824_1274_01

Le neviere, il freezer del passato

Fino ad un secolo fa la neve nelle neviere era così preziosa da essere denominata …