Home / Clima / Nel clima futuro non ci sarà spazio per le perturbazioni estive

Nel clima futuro non ci sarà spazio per le perturbazioni estive

A causa del Global Warming piano piano in estate si contano sempre meno perturbazioni, e in futuro nuvole e piogge tra luglio e agosto potrebbero diventare una vera rarità. Queste sono infatti le conclusioni di una ricerca (“Observed and projected decrease in Northern Hemisphere extratropical cyclone activity in summer and its impacts on maximum temperatures”) pubblicata di recente sulla rivista scientifica Geophysical Research Letters. Insomma, nel clima futuro non ci sarà più spazio per le piogge estive!

Clima Futuro in articolo

Gli autori dello studio, provenienti dalla School of Marine and Atmospheric Sciences della Stony Brook Uninersity, analizzando i dati raccolti tra il 1979 e il 2014 hanno scoperto in particolare che nell’Emisfero Settentrionale il numero di perturbazioni durante la stagione estiva è diminuito mediamente al ritmo di circa il 4% per decennio!

Secondo le loro proiezioni il progressivo rapido diminuire di perturbazioni estive nei prossimi decenni renderà inevitabilmente le nostre estati ancora più calde: senza le nuvole e le piogge portate dalle perturbazioni infatti la superficie dei continenti si riscalderà in misura maggiore portando così a un ulteriore surriscaldamento dell’atmosfera e a un’esaltazione quindi del fenomeno del Global Warming.

Check Also

CRBC265857_ARCA824_1274_01

Le neviere, il freezer del passato

Fino ad un secolo fa la neve nelle neviere era così preziosa da essere denominata …