Home / Clima / Le neviere, il freezer del passato
CRBC265857_ARCA824_1274_01

Le neviere, il freezer del passato

Fino ad un secolo fa la neve nelle neviere era così preziosa da essere denominata “l’oro bianco”.

Veniva conservata in luoghi esposti a nord, freschi e umidi, o in costruzioni apposite: le neviere.  Le neviere venivano scavate nel terreno o nella montagna (es. neviere dell’Etna) oppure erano in muratura.

Questi manufatti sono visibili in molti siti archeologici dell’area mediterranea e non solo, dall’Arabia all’India, dall’Italia all’Egitto e alle Canarie. La neve divenne un bene commerciale così ambito che furono varate leggi per regolarne la fornitura e vendita e venne istituita anche la gabella della neve.

Ovviamente veniva soprattutto utilizzata nei periodi più torridi dell’anno per refrigerarsi con bevande e cibi freschi. È dall’uso della neve è nata anche l’invenzione del gelato e dei sorbetti. Ma veniva spesso utilizzata anche come medicinale (febbri, ascessi, contusioni) e come riserva d’acqua potabile per i periodi di siccità.

Insomma nel lontano passato una nevicata era vista come una benedizione tanto che per  una miracolosa nevicata avvenuta a Roma il 5 agosto del 352 d.C.  suggerì al Papa dell’epoca la costruzione  della chiesa  Santa Maria della neve (ad nives).

Check Also

fulmini navi oceano

Le navi che producono fulmini

Le attività umane, si sa, sono in grado di alterare i fenomeni atmosferici e il …